2005

 

Dicembre 2005

 

La conclusione di questo lunghissimo anno, è per noi terninata ancora una volta a Pioltello con la ” Festa di S.Lucia “ dove per la prima volta, il gruppo si è ordinatamente suddiviso in turni mattina e pomeriggio per evitare inutili assembramenti e successivamente carenze di personale. Abbiamo infine finalmente preso la decisione di diventare anche noi un’associazione o.n.l.u.s., visto che oramai sembra essere l’unica chiave per dare una svolta di crescita e concretezza a tutto quello che abbiamo fatto in questi anni.

Novembre 2005

Anche quest’anno siamo stati a Gorgonzola in occasione della ” Fiera di S. Caterina “, per la prima volta abbiamo deciso di trascorrere lì l’intera notte del sabato. Purtroppo, contrariamente alle previsioni tutta la giornata di sabato l’abbiamo trascorsa sotto la neve e anche se il giorno successivo il tempo è migliorato è stata comunque una giornata freddissima sotto tutti gli aspetti, ma fortunatamente il solito spirito di gruppo ci ha permesso di trascorrere due giornate di serenità.

Ottobre 2005 – Nutella Party a Pessano     

E secondo voi, ci lasciavamo scappare un’occasione simile, visto che oltretutto ci sponsorizzavano completamente la festa, ma soprattutto pensate che la nostra hard director, ( così ormai abbiamo definita la piccolina terribile), era disposta a fare una cosa normalissima ……………..  non sia mai ! ! !.Tanto per iniziare ha dato un nome della manifestazione:

“Un albero per ogni bambino nato e la partecipazione speciale del nostro treno per la vita

Questo significava per noi, che da qualche parte un trenino doveva pur arrivare, e dopo notti insonni a disegnare, tagliare e colorare,  ci ha fatto realizzare tutta la facciata dello stand, 6 metri x 2 di altezza,  a forma di una locomotiva più due carrozze tutti colorate e piene di disegni animati, dove dai finestrini delle stesse, distribuivamo la Nutella ai bambini.Un successone sotto tutti i punti di vista, una magnifica giornata di sole ci ha dato la migliore possibilità di lavoro, tutti i ragazzi del gruppo nonostante la levataggia mattutina per realizzare il tutto erano gasatissimi, tutti i bambini impazzivano a farsi le fotografie con le mamme, ma soprattutto, con nostra grandissima soddisfazione, l’amministrazione comunale per la prima volta, si è congratulata con noi per l’ottima riuscita della festa.

Settembre 2005 – Sagra della Bruschetta     

 Non sono ancora finite le ferie e già siamo al lavoro per organizzare la nostra seconda sagra della bruschetta e festa degli aquiloni, l’impegno è grandissimo e purtroppo il tempo non ci basta mai.

Dopo una spasmodica ricerca, siamo riusciti a trovare in affitto strutture e tavoli con sedie a prezzo abbastanza contenuto, rispetto a tutti i preventivi avuti, ed allora via si comincia, sotto una pioggia battente, ma soprattutto incensante siamo in qualche modo riusciti a montare il tutto

Inaspettatamente per sabato e domenica le previsioni sembrano buone, quindi tra noi torna un po’ di entusiasmo e verso le 17:00 siamo pronti ad iniziare. Aperitivi gratis per tutti, iniziamo così nella speranza di riuscire a costruire qualcosa di buono, avendo organizzato per il sabato anche un gruppo musicale che accompagna durante la cena e per tutta la serata.

Il nostro piatto forte, ovviamente sono i nostri 12 differenti tipi di bruschette, sapientemente creati da Silvia e Melissa.

Ma ancora una volta, non possiamo dimenticare ovviamente,  la magnifica collaborazione di MORATO PANE che anche per quest’edizione ci ha donato tutto il pane utilizzato per la realizzazione delle stesse, inoltre quello che ci è avanzato lo abbiamo destinato ad un centro per ricoveri anziani.

Il nostro lavoro, purtroppo non ha portato i frutti sperati, a seguito delle pessime condizioni del tempo.

L’occasione però per noi è stata quella di invitare alla festa, l’amministrazione comunale del comune di Pessano con Bornago, dove  nel mese di febbraio partecipiamo alla festa patronale. A seguito di questo, qualche giorno dopo la festa, ci hanno ricontattato chiedendoci se avevamo voglia di organizzare un Nutella party per 430 bambini c/o il loro comune verso la metà di ottobre, in occasione della festa “Un albero per ogni bambino nato”

9 Luglio 2005

 Quest’ anno abbiamo una grandissima occasione di avere padre Peppino assieme a noi per circa tre mesi in Italia, ma visti i suoi numerosissimi impegni che avrà sicuramente, noi del gruppo di  Insieme Per,  abbiamo richiesto la possibilità di averlo almeno un pomeriggio per raccontarci un po’ l’andamento generale della missione.

E’ stata per noi inoltre, l’occasione di invitare anche tutte quelle persone, associazioni ed amici che in tutti questi anni attraverso le loro offerte hanno contribuito al nostro lavoro, ma soprattutto alla grandissima opera di padre Peppino.

Tra loro non ha voluto assolutamente mancare un nostro benefattore, il sig. G.L. che ha rinnovavto anche quest’anno il suo impegno, offrendo ancora una volta il necessario per realizzare un nuovo asilo in un villaggio all’interno della laguna.

L’incontro con padre Peppino, è avvenuto presso la chiesetta di S.Agata (Cassina de Pecchi), verso le 16,00 ed è rimasto con noi, presso l’oratorio fino alle 21,30.

Dopo un veloce incontro sotto una pioggia battente, ha celebrato la messa, e da lì ci siamo trasferiti all’oratorio, dove erano presenti circa una cinquantina di persone, che Padre Peppino ha inizialmente incontrato alla spicciolata, i benefattori che in tutti questi anni, hanno collaborato con lui, ma non avevano ancora avuto l’occasione di farlo.

E’ stata organizzata una cena veloce per tutti ed alla fine verso le 20,30, padre Peppino ci ha illustrato l’andamento della missione e tutti i suoi progetti futuri.

Riassumo qui in breve quelli che sono stati i maggiori punti trattati nella serata:

·        Ci comunica che da circa tre anni, è stato trasferito ad una nuova missione ad 1 ora da Abor, ma continua in ogni caso a portare avanti anche i progetti che in teoria dovrebbero seguire i sacerdoti locali, attualmente segue 130 villaggi.

·        Presso In my Father’s house, il numero dei bambini cresce sempre di più, 95 sono quelli fissi, giorno e notte, ma in totale 250 sono quelli, che regolarmente tutte le mattine vengono prelevati dai villaggi e portati presso il centro, per la scuola e il pranzo fino alle ore 16,30, quando ancora con i mezzi dell’associazione vengono riaccompagnati alle loro case.

·        9-10.000 sono invece i bambini che sono costantemente tenuti sotto controllo dalla missione, la quale offre a loro, istruzione, cibo e nei casi più disperati programmi salute.

·        Programma adozioni a distanza: viene chiarito che il contributo di ogni singola adozione, viene comunque utilizzato anche per altri bambini. Inoltre ci ha presentato il nuovo programma di Adozione degli asili a distanza, con il cui contributo, viene data la possibilita a ca. 30 bambini di avere istruzione e almeno un pasto garantito al giorno, vengono inoltre pagati anche gli stipendi dei maestri e arredi delle classi.

·        Programma poveri: tutti i primi mercoledì del mese, la casa di IMFH, apre le porte a più di 200 poveri, offrendo loro cibo o denaro.

·        Programma Agricoltura: vengono regolarmente eseguite piantagioni nei villaggi più rurali, offrendo così l’opportunità negli anni successivi di raccogliere un po’ di legname.  Allevamenti di polli e maiali, di cui una parte  viene venduta sia carni che uova, e il resto viene utilizzata per nutrire i bambini del centro

 Molti altri argomenti e domande sono state da Padre Peppino chiarite, con un solo ed unico obiettivo, quello di dare possibilità ma soprattutto continuità a tutti i suoi numerosi progetti.

Marzo 2005

Non ci era mai capitato di partecipare ad una manifestazione motociclistica, a Cassina de Pecchi, grazie all’invito della Croce Bianca,abbiamo avuto anche questa opportunità, diversa dalle altre abbiamo conosciuto un mondo tutto nuovo per noi, dove anche qui abbiamo comunque incontrato parecchia gente interessata ai nostri progetti.

Siamo poi ritornati a Cernusco sul Naviglio la settimana successiva per la festa di S.Giuseppe, giornata non bellissima e anche un po’ fredda, però l’entusiasmo di noi a fatto si che tutto andasse ancora una volta per il meglio. Quest’anno purtroppo la festa a Melzo abbiamo dovuto saltarla in quanto era anticipata allo stesso giorno di Cernusco.

Febbraio ‘05

Non siamo ancora tornati e pronti via!!! 13 Febbraio ore 05:45, tutti in piazza a Pessano con Bornago, ridente paesino ad est di Milano in occasione della festa patronale, il comune ci ha ospitati per la seconda volta, ma questa volta ci siamo proposti oltre che con il solito stand di vendita, anche con qualcosa di lussurioso.

Montato il nostro magnifico nuovo gazebo, lo stand della cucina e quello del ristorante, “salamelle, patatine, vin brulé e torte fatte in casa” andavano a fiumi, è stato un successone ragazzi, alle ore 13:00, avevamo già fatte secche 20kg si salamelle alla griglia, tanto è vero che siamo corsi ai ripari trovandone un’altra decina di kg, ovviamente spazzolate in brevissimo tempo, ca. 20lt. di brulé, 15 kg di patate e una decina di torte.

Alle ore 19:00 eravamo tutti distrutti, ma dentro di noi l’entusiasmo di essere ancora una volta riusciti a portare a  termine la prima manifestazione di quest’anno con discreto successo, che ci auguriamo unito alle prossime ci offra l’opportunità di continuare nel migliore dei modi sulla strada del volontariato.

Gennaio ‘05

Siamo tornati in Ghana: Mauro, Mario, Marco il quale si è trascinato anche Simona e Ivan, entrambi toscani come lui, Alice e Salvatore di milano.

Per oltre la metà di noi, è alla prima esperienza di volontariato e nei loro occhi, ne si legge chiaramente tutta l’euforia, come l’invidia della nostra partenza di tutti quelli che rimangono, tra cui Pepè che non ha potuto fare a meno di accompagnarci all’aeroporto.

Partiamo verso le 17:00 con ca. due ore di ritardo, e all’imbarco incontriamo anche Jacopo, inviato da un’altra associazione per un periodo di ca. tre mesi per realizzare un progetto sull’agricoltura. Alle tre e mezza del mattino siamo finalmente arrivati alla “Casa”.

Tutti dormono ovviamente, e così a primo impatto ci rendiamo subito conto di quanto sia stato fatto in questo anno trascorso. . Durante la nostra permanenza ci hanno raggiunto anche Eva (dentista) e Sara (sua collaboratrice), che come ci aveva promesso lo scorso anno è venuta qui per fare uno screening generale a tutti i bambini del centro, aggiungendo un altro piccolo tassello al nostro piccolo progetto sanità.

I giorni passano velocemente, siamo andati parecchi giorni con P.Peppino nei suoi villaggi, ogni volta un’esperienza diversa ma sempre incredibile, come altrettanto lo è P.Peppino che giorno dopo giorno non smette mai di stupirci con il suo modo di fare, con noi, con le genti locali, ma soprattutto con “ tutti i bambini “al quale a deciso di dedicare la sua vita. In ogni sua azione c’è sempre un pensiero mirato a “loro”, e in ogni suo progetto “loro” ne sono i maggiori beneficiari, attualmente all’interno dei 75 villaggi che gestisce sono circa diecimila e continuamente le situazioni più gravi, Lui preferisce portarli alla “ Casa “ ad Abor . Purtroppo 15 giorni volano alla svelta e a tutti noi non rimane che un grandissimo rimpianto per la partenza, ma con la ripromessa di un ritorno al più presto ed una continuità anche in Italia perché tutto il lavoro portato avanti sino ad oggi possa continuare nel migliore dei modi.

Commenti chiusi